Rocca delle Macie

Rocca delle Macìe, azienda ambasciatrice del vino italiano nel mondo

Rocca delle Macìe a buon diritto è considerata un’azienda ambasciatrice del vino italiano del mondo. E’ una realtà da tre milioni e ottocentomila bottiglie l’anno, un dato importante per la produzione italiana.  Dietro queste cifre ci sono la famiglia Zingarelli e il suo staff, c’è una scalata alla qualità e un consolidamento del suo elevato livello che dura ormai da quarant’anni; ci sono le testimonianze dei continui riconoscimenti della critica di settore, in Italia e all’estero, oltre che i consensi del pubblico degli appassionati di tutto il mondo.

Insomma, un dato numerico reso possibile dal grande capitale di risorse umane, sociali e culturali che contribuisce, giorno dopo giorno, alla diffusione dell’immagine del vino italiano a livello nazionale e soprattutto a quello internazionale.

Toronto, Montreal, New York, Taipei, Osaka, Tokyo, Monaco, Mosca, Firenze, Cape Town, Hong Kong, Bangkok, Phuket sono solo alcune delle tappe che interessano i vini di Rocca delle Macìe in questo autunno 2016: un vero e proprio giro del mondo durante il quale parlare di vino è solo un pretesto per diffondere il made in Italy in toto, con tutto ciò che porta con sé.

***

Continua a leggere per saperne di più:

Rocca delle Macìe nasce nel 1973, nel 1978 segna la prima vendemmia, nel 1985 Sergio Zingarelli inizia a lavorare con il padre Italo, fondatore dell’azienda, prima occupandosi della rete distributiva mondiale, poi dell’azienda nel suo complesso. Rocca delle Macìe dispone di circa 600 ha di terreni di cui oltre 200 coltivati a vigneto e 80 ad oliveto, suddivisi tra le sei tenute di proprietà: Le Macìe, Sant’Alfonso, Fizzano e le Tavolelle nel territorio della Docg Chianti Classico, Campomaccione e Casamaria in Maremma nel territorio della Docg Morellino di Scansano. Nel 2016 nasce il nuovo polo “Campo Maccione-Fattoria di Rocca delle Macìe”, per dare il dovuto rilievo ai vini di Maremma, prodotti ormai da anni dalla famiglia Zingarelli e arricchiti dall’esperienza maturata in Chianti Classico.

 

Fonte: Vinotype.itLink Articolo diretto

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close