Rocca delle Macie

Street Art, un murales della storia di Rocca delle Macìe

Questa volta non un premio o un’esposizione temporanea ma una vera e propria opera “pubblica” permanente, visibile da tutti quelli che passano di fronte alla nuova enoteca di Rocca delle Macìe a Castellina in Chianti. L’idea è nata con l’obiettivo di riqualificare una parete ancora semi-industriale e renderla viva, viva come i messaggi che contiene.

L’enoteca era già attiva dall’autunno 2016 e da Agosto 2018 è stata arricchita di una vera e propria opera di ”Arte di Strada” realizzata sull’intera parete dell’ adiacente edificio inutilizzato ed ancora da restaurare.

L’idea di Sergio, e della famiglia Zingarelli, è stata quella di poter rappresentare e sintetizzare la storia di Rocca delle Macìe in quello spazio da troppo tempo inutilizzato. Opera non facile, se si pensa a tutto il percorso che è stato fatto dai tempi della produzione cinematografica al momento dell’acquisto di un primo podere in Chianti Classico, Le Macie, da Italio Zingarelli.

Numerosi sono stati i bozzetti, gli scambi di opinioni e gli scontri su cosa e come enfatizzare al meglio il messaggio, fino a quando alcuni schizzi a mano libera realizzati su un foglio di giornale non hanno convinto e allineato il pensiero di tutti, Valerio farà il lavoro!

Valerio Prugnola, romano, 25 anni dal 2015 dedicato alla pittura a tempo pieno. Ha sempre avuto una passione per il disegno fin dall’asilo, passione però che ha coltivato quasi esclusivamente a scuola e raramente al di fuori. Ha frequentato il liceo classico e ISIA di Roma, che poco c’entrava con il disegno ma proponeva una formazione volta a tutto ciò che ruota intorno alla progettazione, nello specifico di oggetti e prodotti. Probabilmente un’esperienza molto utile e interessante ma finito il triennio ha deciso di rivedere i suoi piani tornando alla pittura, con i pennelli, prima su supporti di cartoncini vari e poi su tela ed utilizzando lo pseudonimo “Shout” (nome scelto quando era poco più che adolescente e a scuola impazzava la moda del “writing”). Dal 2015 ad oggi ha esposto molti lavori in mostre collettive Museo Crocetti, Spazio Cima, Imago Mundi, Spazio De Lollis (siti tutti in Roma), e ha realizzato diverse opere su commissione per aziende e privati. Ha, oggi, uno studio dove svolge la sua attività di pittore. Parallelamente gestisce una associazione culturale in Umbria, al Castello di Mongiovino Vecchio, chiamata Officine Mongiovino. Pratica pugilato al livello dilettantistico da 6 anni e amatoriale da 10.

Anche la scelta dell’artista alla fine ha rispecchiato quello che era uno dei motivi che muoveva Italo ogni due anni a proporre il Premio d’Arte a Rocca delle Macìe: uno dei presupposti per la scelta dei candidati del premio era infatti quello che fossero giovani artisti alle prime armi, un modo per invogliare ed aiutare i nuovi talenti, e così è stato anche questa volta.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close